IL CERVELLO ACCESSIBILE: COMUNICARE LA DISABILITÀ

Posted on
Vista la buona riuscita del percorso formativo sulla comunicazione inclusiva  realizzato presso la scuola grafica di Comix di Reggio Emilia, il Criba – Servizio Regionale per l’accessibilità, l’inclusione e il benessere ambientale – mira ora a nuove edizioni del progetto “Il Cervello Accessibile”

C’è differenza tra un concetto di accessibilità che ha a che fare con questioni pratiche come  l’abbattimento di barriere architettoniche e il valore di un Cervello Accessibilenei cui pensieri rientrano i diritti, le necessità e i desideri di tutti. Questo è il presupposto da cui ha preso avvio il progetto che Criba e Scuola di Comix hanno portato avanti attraverso l’alternanza di lezioni tradizionali, sessioni creative e esperienza diretta della disabilità. Gli studenti hanno imparato a riconoscere gli stereotipi veicolati dai media e sono stati invitati ad elaborare  una nuova strategia comunicativa capace di rispettare la dignità e l’individualità di ogni storia in cui rientra la disabilità.
Parlare di disabilità e di persone disabili senza appiattirsi sugli standard del politically correct, del pietismo o su  toni celebrativi che rischiano di trasformare i disabili in supereroi,
è – nell’ottica del Cervello Accessibile – il primo step per sensibilizzare pubblico e mass media sul tema  in modo realistico e avvicinarsi ad una reale integrazione.
A partire dai numerosi stimoli ricevuti durante le lezioni e dagli incontri con persone disabili e dalle loro storie, gli studenti si sono cimentati nella realizzazione di elaborati poi sottoposti al giudizio di una Giuria d’eccezione, in cui figurano  il fumettista Leo Ortolani, i blogger di Invisibili Franco Bomprezzi, Claudio Arrigoni e Simone Fanti, l’ex ministro Antonio Guidi, l’eurodeputato Niccolò Rinaldi e l’ Assessore Teresa Marzocchi.
Le numerose visite che ogni giorno riceve il blog del progetto e l’eco che sta suscitando, il Criba mira ora ad estendere anche con tempistiche e modalità inedite la proposta ad altre realtà, nell’ottica di ampliare l’opera di sensibilizzazione e vedere moltiplicare i “cervelli accessibili”. (NL)

Per informazioni:
ilcervelloaccessibile.wordpress.com