ATTENTA: NON FARTI STENDERE DALL’ALCOL. APRILE: MESE DELLE PREVENZIONE ALCOLOGICA.

Posted on
Un mese di iniziative rivolte alle donne per sensibilizzare sui rischi. Nella nostra provincia si stima che siano 112mila i consumatori di alcol a rischio. Anche se il consumo problematico di alcol è ancora più diffuso tra gli uomini, nei giovani si stanno annullando le differenze di genere: le ragazze assumono alcolici quasi come i ragazzi. La campagna di comunicazione gioca su toni ironici e colori vivaci per attirare l’attenzione e far riflettere sulla maggiore vulnerabilità delle donne agli effetti negativi delle bevande alcoliche

L’alcol è uno dei principali fattori di rischio per la salute e lo è ancora di più per le donne che, per le caratteristiche del corpo femminile, sono più vulnerabili agli effetti negativi delle bevande alcoliche. Anche se i dati dicono che in generale il consumo problematico di alcol resta più diffuso tra gli uomini, si stanno annullando le differenze di genere tra i più giovani: le ragazze assumono in modo rischioso alcolici quasi come i ragazzi. Partendo da queste considerazioni, in aprile, mese della prevenzione alcologica, le Aziende sanitarie modenesi organizzano la campagna di sensibilizzazione dedicata alle donne “Attenta! Non farti stendere dall’alcol. Cosa devi sapere per non rischiare” che prevede numerose iniziative nel territorio della provincia che hanno preso il via nei giorni scorsi (il programma completo è sul sito www.ppsmodena.it/alcol).

La campagna gioca su toni ironici e colori vivaci per attirare l’attenzione e far riflettere sul tema: un piccolo gadget, una molletta da bucato che ribadisce l’ironica metafora suggerita da immagine e slogan della campagna, contribuisce a diffondere il messaggio di prevenzione; sono stati realizzati anche una locandina che sintetizza le principali informazioni che una donna dovrebbe tenere presenti riguardo il consumo di bevande alcoliche per non mettere a rischio la propria salute e sicurezza e un pieghevole sulle conseguenze che un consumo non moderato può provocare nelle diverse fasi della vita e riguardo situazioni e tematiche dell’universo femminile (ad esempio: gravidanza, allattamento, menopausa).
Il materiale informativo sarà distribuito durante i numerosi eventi in programma e presso diversi servizi sanitari, in particolare Centri Alcologici, Consultori familiari e Unità operative ospedaliere di Ostetricia e Ginecologia, dove gli operatori saranno in prima linea nel portare l’attenzione delle donne sullo stile di vita e nel valutare per ciascuna il rischio relativo al consumo di alcol, fornendo raccomandazioni con una modalità adeguata al singolo caso. Una distribuzione mirata è prevista, inoltre, alle donne che accedono agli ambulatori per la domanda di maternità anticipata.

L’iniziativa, sostenuta dalla Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria e dalla Società Italiana di Alcologia, è realizzata insieme alle associazioni di auto-aiuto della provincia (Al-ANON – Familiari di Alcolisti, AA – Alcolisti Anonimi, CAT – Club Alcologici Territoriali) e ad AIOP Emilia-Romagna (Associazione Italiana Ospedalità Privata, in particolare le case di cura private accreditate Villa Rosa e Villa Igea di Modena), con la collaborazione dei Comuni della provincia di Modena, Ordine provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, Ordine provinciale dei Farmacisti, Federfarma Modena e Farmacie comunali di Modena S.p.A. La campagna è realizzata nell’ambito del Programma territoriale della provincia di Modena “Comunicazione e Promozione della Salute”.


Donne e consumo di sostanze alcoliche
Le donne consumatrici di alcol in Italia, secondo i dati Istat del 2010, sono il 53,4 per cento; il vino è la bevanda alcolica più diffusa, seguita da birra e altri alcolici. C’è un cambiamento evidente nel modello di consumo tradizionale che era basato sulla consuetudine di bere giornalmente vino durante i pasti: attualmente quote crescenti di popolazione bevono alcolici al di fuori dai pasti e aumenta il consumo occasionale. Questo cambiamento è ancora più evidente tra le donne: tra il 2000 e il 2010 il consumo di bevande alcoliche fuori dai pasti registra un incremento del 25,1% (contro il 15% dei maschi), mentre decresce del 17,4% (contro il  meno 11,8% dei maschi) quello di consumatrici giornaliere.

In provincia di Modena, lo studio Passi (il sistema di monitoraggio della salute della popolazione adulta che effettua analisi a campione) stima che il 69% della popolazione beve alcolici e che circa un quarto (il 24% che corrisponde a circa 112mila persone) può essere classificato come consumatore di alcol a rischio: il 28% degli uomini e il 20% delle donne. Nei giovani si stanno annullando le differenze di genere: nella fascia d’età tra 18 e 24 anni, beve in modo rischioso il 51 per cento dei maschi e il 49 per cento delle femmine. Chi vive con un coniuge, un compagno o con bambini di età inferiore a 14 anni dichiara in percentuale minore di assumere alcol in modo rischioso per la propria salute; questo effetto protettivo dei ruoli sociali appare più marcato tra le donne.
Nel 2011 le donne in trattamento presso i Centri Alcologici della provincia di Modena sono state 219 (su 950 utenti), pari al 23% del totale, con una età media di 50 anni.

Perché le donne sono più vulnerabili all’alcol
Le donne sono più vulnerabili all’alcol perché la loro capacità di metabolizzarlo è circa dimezzata, il corpo femminile è più esile e più povero di acqua e gli ormoni femminili ne potenziano l’azione. Ecco perché la quantità di alcol ritenuta a “basso rischio” per la donna è la metà rispetto a quella per l’uomo. Le quantità giornaliere attualmente considerate a “basso rischio” non devono infatti superare due unità alcoliche per l’uomo e un’unità alcolica per la donna.
Analizzando in particolare gli effetti dell’alcol sulla donna, si rileva che durante i 2-3 giorni precedenti il ciclo mestruale e durante l’ovulazione, il corpo è più sensibile all’alcol ed i suoi effetti sono avvertiti più rapidamente. Inoltre, l’abuso di alcol può indurre delle irregolarità del ciclo mestruale. Rispetto alla sessualità l’alcol è tossico e dannoso nelle donne che assumono contraccettivi ormonali; predisponendo a dimenticanze ed episodi di vomito, l’alcol potrebbe influire sull’efficacia della pillola.
L’alcol abbassa le inibizioni e ciò comporta una maggiore probabilità di trovarsi in situazioni pericolose: lo stato di ebbrezza rende le donne più vulnerabili agli incidenti e alle aggressioni fisiche e sessuali e porta all’aumento di rapporti sessuali non desiderati o non protetti, esponendo al rischio di gravidanze indesiderate e malattie sessualmente trasmissibili. L’alcol riduce la fertilità e, in gravidanza, attraversa la placenta arrivando direttamente al bambino nella pancia e mettendone a rischio la salute, favorendo lo sviluppo di patologie che possono persistere anche dopo la nascita.

Anche durante l’allattamento al seno, il bambino assume la maggior parte di ciò che la mamma mangia e beve, compreso l’alcol e questo può comportare nel neonato una riduzione nell’assunzione di latte, riduzione dell’aumento del peso, cambiamenti nel ritmo del sonno, rischio di ipoglicemia e disturbi dello sviluppo psicomotorio.
L’alcol influisce negativamente sull’equilibrio ormonale causando menopausa precoce e un aumento di vampate e aggravando alcuni sintomi frequenti in questa fase particolare della vita della donna, come alterazioni dell’umore e sintomi depressivi.
Da non sottovalutare che diversi studi scientifici, anche recenti, hanno rilevato che esiste una relazione tra il consumo di quantità, anche moderate, di alcol e l’insorgenza del tumore al seno, oltre agli effetti dannosi sulle ossa rendendole più fragili e aumentando il rischio di fratture.

Per informazioni e programma delle iniziative: www.ppsmodena.it/alcol