L’ASSOCIAZIONE ROSA BIANCA PER LA SETTIMANA DELLA SALUTE MENTALE

Posted on
Dal 21 al 28 ottobre 2011 si svolgerà a Modena e provincia la Prima Settimana della Salute Mentale. La manifestazione è stata progettata dal Dipartimento di Salute Mentale e prevede incontri tecnico-scientifici, dibattiti politico-sociali, manifestazioni sportive ed eventi artistici ed espressivi. L’Associazione di volontariato “Rosa Bianca” ha organizzato un insieme di eventi artistici che si svolgeranno all’interno del Centro Culturale G. Alberione.

Il Centro inoltre partecipa attivamente alla promozione della Settimana con uno spettacolo allestito dalla propria compagnia teatrale e con eventi musicali cui danno vita musicisti, interpreti e promotori, delle rassegne musicali che vengono realizzate al suo interno.
A questo progetto condotto da “Rosa Bianca” e dal Centro Alberione si è dato titolo “ Im-magini, parole e suoni che curano”,  si tratta infatti di eventi costruiti con linguaggi che, con differenti modalità espressive, si sono dimostrati adeguati nel prendersi cura della sofferenza psichica.

L’associazione di volontariato “Rosa Bianca” ha promosso a Modena, presso la cittadinanza e le istituzioni,  Dipartimento di Salute Mentale (DSM) ed i Servizi Sociali del Comune, il metodo di cura denominato Inserimento Eterofamiliare Supportato di Adulti con Disagio Psichico (IESA).

L’attività di Rosa Bianca si fonda sul principio che la persona disabile è una risorsa per la comunità in grado di mobilizzare le capacità del prendersi cura. Crede inoltre che il sistema famiglia/comunità possieda un elevato valore terapeutico, in particolare nel contrasto della cronicità e nella partecipazione alla continuità assistenziale in collaborazione con i servizi territo-riali.

L’associazione ha realizzato un modello di collaborazione paritaria con le istituzioni (DSM, Servizi Sociali), nella preparazione e nell’attuazione del metodo IESA. Tale metodo di lavoro ha creato un progetto, delle linee guida ed regolamento, strumenti necessari per dare avvio agli Inserimenti  dei pazienti nelle famiglie ospitanti.   I rapporti tra le parti, associazione DSM e Servizi Sociali, sono regolati da convenzione.
Rosa Bianca organizza inoltre  corsi di formazione sul tema dell’Inserimento Eterofamiliare, dedicati agli operatori del Dipartimento di Salute Mentale e dei Servizi Sociale del Comune.

Un rappresentante dell’ Associazione partecipa ai lavori di un Team Operativo, con sede presso il Centro di Salute Mentale di via Paul Harris a Modena, designato allo scopo di attivare le procedure operative del Servizio IESA. Sono stati realizzati i primi inserimenti di pazienti in famiglie ospitanti.

Negli ultimi due anni (2009, 2010) Rosa Bianca ha organizzato, nel mese di novembre, il cineforum “Follia e Dintorni” sui temi della salute mentale, ospitato nel Teatro Tenda del Comune. La rassegna cinematografica ha visto numerosissima la presenza dei giovani e della cittadinanza attiva. Il cineforum è programmato anche per il prossimo novembre 2011.

Dal 2010 Rosa Bianca partecipa attivamente a progetti di socializzazione individuale per pazienti inseriti in una comunità alloggio (viale Verdi) e in una residenza riabilitativa (RTI Madonnina), in collaborazione con la Coop Sociale Aliante.
Rosa Bianca si dedica inoltre attivamente alla divulgazione dell’Inserimento Eterofamiliare ed al reclutamento delle famiglie candidate ospitanti, con incontri che si svolgono presso comunità atti-ve in campo sociale.
per info: www.rosabiancaonlus.org; rosabianca.mo@libero.it

IL CALENDARIO DEGLI EVENTI

Dal 21 al 28 ottobre, orario dalle 17 alle 22.

MOSTRA  DI ART BRUT  “I COLORI DEL SILENZIO”
Curatori:  Nicoletta Sturloni e Giambattista Voltolini.

Inaugurazione venerdì 21 ottobre ore 18.30.

La mostra viene allestita con le opere prodotte da pazienti dell’ex Ospedale Psichiatrico S. Lazzaro di Reggio E. nel periodo 1972-1985. La novità e l’interesse dell’esposizione consiste nel divulgare la conoscenza sull’attività artistica di persone sofferenti di disagio psichico. Attraverso il segno ed il colore questi artisti riescono a manifestare sensazioni e sentimenti che altrimenti non troverebbero la via razionale della comunicazione attraverso le parole. Queste opere, del tutto spontanee e necessarie, testimoniano, oltre al dato estetico, anche il lavoro di autoterapia realizzato dagli autori. La visione di queste opere da parte del pubblico offre la possibilità di modificare la percezione e la comprensione della sofferenza mentale che le ha ispirate

Sabato 22 ottobre ore 21
CONCERTO DEL PIANISTA OLAF JOHN LANERI
Il  Concerto come luogo ove insieme ci si sperimenta (cum certare) nell’accesso alle emozione e nella riflessione sull’importanza terapeutica dell’ascolto musicale condiviso.
Presenta Donatella Marrama.

Programma:

SCHUMANN        Nachtstücke op.23 nn.3, 4
Romanze in fa diesis magg. op.28 n.2
BEETHOVEN                  Sonata in fa min. op 57 ‘Appassionata’
Allegro assai
Andante con moto
Allegro ma non troppo
LISZT            Rapsodia in mi bem. magg.n.4
Rapsodia spagnola in re magg.
CHOPIN        Ballata in sol min. op.23
Andante spianato e Grande Polacca brillante in mi bem. magg. op.22

Mercoledì  26 ottobre, ore 18 – 19.30

AMORE MIO EMATICO” – DIALOGO TRA MUSICA  E PAROLE
Reading poetico musicale di poesie di Giorgio Mattei: suoneranno Simone Guaitoli il pia-noforte, Giorgio Mattei il sassofono.
Le parole delle poesie e le note del commento musicale del pianoforte e del sassofono si alternano e si scambiano le parti ad indicare la possibilità di un dialogo coerente tra mezzi espressivi diversi, metafora in sé della possibile  comunicazione  anche per voci che praticano linguaggi e segni differenti.
Organizzazione e supervisione artistica curata dalla prof.ssa Enza Iori.

Mercoledì 26 ottobre  ore 21
SPETTACOLO PSICANTRIA
Psicantria: spettacolo di psicopatologia cantata
Gaspare Palmieri (psichiatra e cantautore): voce e chitarra
Cristian Grassilli (psicoterapeuta e cantautore): voce e chitarra
Lorenzo Mantovani (musicista): chitarra, banjo, mandolino

Giovedì  27 ottobre ore 21
“I FISICI”
di F.Durrenmatt –
Regia di Francesco Terrano – Gruppo  “Teatro Alberione”

Si tratta di un noir dal finale rocambolesco. Una casa di cura per malattie mentali è funestata da violenti omicidi. I colpevoli dichiarati sono tre pazienti che “giocano” a fare i fisici: Newton, Einstein e Mobius. Ma come spesso accade non tutto è come sembra in apparenza.     Scritto all’inizio degli anni ’60 in piena Guerra Fredda, questo testo, del famoso autore svizzero F. Dürrenmatt, è tutt’oggi di un’attualità sconcertante, proponendo una riflessione ampia, avvincente e disillusa sui rapporti tra follia, ragione scientifica e potere.

Venerdi  28 ottobre  ore 17.30 – 19
CONFERENZA-CONCERTO
Viene indagato il rapporto tra la sofferenza psichica che afflisse alcuni compositori (dalla patologia propriamente detta alle ossessioni di cui furono vittime) e le modalità in cui tale disturbo si riverberò sulla loro produzione compositiva. L’aspetto musicologico introduttivo ai brani che sono proposti (composti, tra gli altri, da Schumann, Skrjabin, Wolf, Mussor-gskij) è affidato a Simone Guaitoli, mentre le musiche sono eseguite da giovani allievi o neo-diplomati (pianisti, cantanti, clarinettisti) già vincitori di concorsi nazionali ed interna-zionali e anche con l’ausilio di contributi audio. Questo viaggio musicale ed emozionale si relaziona strettamente con la mostra di quadri “I colori del silenzio” allestita nelle stanze adiacenti, ad ulteriore testimonianza dei canali privilegiati che collegano psiche, elaborazione delle emozioni e produzione artistica.
Organizzazione e supervisione artistica curata dalla prof.ssa Enza Iori.