GRUPPO ARGO: PER UN AIUTO IMPORTANTE AI NOSTRI AMICI A QUATTRO ZAMPE

“Fare volontariato non significa fare quello che ci pare autorizzati solo dal concetto che è “volontariato”… e fare volontariato non significa avere un bel “patacchino” sulla maglietta da esibire come medaglietta… e fare volontariato non serve a chi fa volontariato ma ai nostri amici a quattro zampe…”

Questo è lo spirito con cui è nato il gruppo Argo che sul suo blog esprime con queste parole il proprio concetto di volontariato

I ragazzi dei gruppo Argo sul loro bel blog si descrivono così: “Più che volontari siamo amici, più che amici siamo volontarghi… un binomio inscindibile per chi come noi ha una passione in comune! Siamo un gruppo di amici… conosciuti per caso al CANILE INTERCOMUNALE DI MODENA dove trascorriamo il nostro tempo libero e non… conosciuti per caso ed uniti per scelta: siamo il gruppo ARGO…”

I volontari di ARGO organizzano una giornata di festa, dal titolo “Il Mondo a 4 Zampe”, che si terrà l’11 settembre al Parco Ferrari a Modena. In quell’occasione, istruttori cinofili, veterinari, esperti e tutti i volontari dell’associazione saranno a disposizione per consigli, istruzioni, giochi e tante altre attività che riguardano gli amici a quattro zampe. Accanto alla zona rinfresco per tutti sarà persino allestito un Dog bar e un punto presso il quale sarà possibile donare materiali per il canile comunale.

La passione per gli amici a quattro zampe è tanta e dalle parole della volontaria Monica si percepisce immediatamente: “il gruppo Argo ha deciso di organizzare la giornata di festa “Il mondo a 4 zampe”  per dare una possibilità di adozione ai cani di canile, che sono spesso considerati di serie B, mentre noi vogliamo mostrare che hanno delle possibilità e anzi, non c’è differenza tra l’affetto di un meticcio, di un trovatello o di un cane di razza. L’affetto che il cane prova verso la famiglia che lo accoglie è incondizionato e a tutti noi farebbe piacere che questo amore fosse reciproco.
Noi chiediamo che il cane venga finalmente riconosciuto come un essere senziente, e come tale debba essere rispettato. Anche cani di una certa età e che hanno qualche problema è giusto che abbiano una seconda possibilità, perché una seconda possibilità è un diritto di tutti.”

Scarica la locandina dell’evento con il programma e i recapiti