UN TESTO UNICO PER LA SICUREZZA DEI VOLONTARI

Posted on
Il Ministro del La­voro emana un decreto sull`applicazione del Testo Unico sulla sicurezza a favore delle varie categorie di volontari proprio in occasione dell’anno 2011 che è l’anno del volontariato.

Di seguito si riporta a riguardo un articolo pubblicato al link http://sociale.regione.emilia-romagna.it/volontariato/primopiano

“Il decreto del ministro del Lavoro, in concer­to con Interno, Salute e Protezione civile, che entrerà in vigore decorsi sei mesi dalla pub­blicazione in Gazzetta Ufficiale individua le modalità per l`applicazione del Testo Unico, nei riguardi delle cooperative sociali e delle organizzazioni di volontariato della Prote­zione civile, compresi i volontari della Croce rossa italiana e del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico e i volontari dei vigili del fuoco.

Il decreto stabilisce che le disposizioni del Testo Unico sono applicate tenendo conto delle esigenze che le caratterizzano.

Si dovrà tenere conto della necessità di intervento immediato anche in assenza di preliminare pianificazione, dell`organizzazione di uomini, mezzi e logistica improntata all`immediatezza.

Si dovrà anche prendere in considerazione l`imprevedibilità e l’indeterminatezza del con­testo nel quale il volontario viene impiegato con l`impossibilità di valutare tutti i rischi se­condo quanto prescritto dagli articoli 28 e 29 del D.Lgs. 81/08 e succ.ve modifiche. In relazione agli obblighi, le organizzazioni de­vono garantire che il volontario riceva forma­zione, informazione e addestramento, nonché sia sottoposto al monitoraggio sanitario.

In merito al personale delle cooperative sociali, il decreto stabilisce che ove debba svolgere la propria attività, inerente la gestione di servizi socio-sanitari ed educativi, attività agricole, industriali, commerciali o di servizi, finalizzate all`inserimento lavorativo delle persone svan­taggiate, al di fuori delle sedi di lavoro, si appli­cano le disposizioni del Testo Unico tenendo conto dei rischi normalmente presenti. ( fonte Sigea)”