RACCOLTA ALIMENTARE: QUASI 43 TONNELLATE DI ALIMENTI DONATI PER ROCKNOWAR E PORTA APERTA

Posted on
Quasi 43 tonnellate. Questa la quantità di  generi alimentari raccolti da Rock No War e Porta Aperta Modena: un ottimo risultato e un grandissimo incoraggiamento per gli organizzatori, grazie alla collaborazione dei supermercati modenesi, CoopEstense e CONAD e di circa 500 volontari impegnati nella giornata di sabato 19 e domenica 20 febbraio.

La raccolta alimentare promossa da Rock No War e da Porta Aperta, aveva più di un motivo di preoccupazione: la crisi che ha colpito numerose famiglie non favoriva certo la generosità. E invece la scommessa è stata vinta. Rispetto all’ultima raccolta alimentare fatta dalla nostra associazione è stata raddoppiata la quantità di generi alimentari che sono stati donati dalle numerosissime persone che agli ingressi dei supermercati di Modena, Formigine, Sassuolo, Vignola, Nonantola, Castelfranco Emilia, Castelvetro, Castelnuovo Rangone, Soliera, Spilamberto, Ravarino e San Cesario sul Panaro, hanno accolto l’appello di Rock No War e Porta Aperta.

Con questi risultati potremo quindi rafforzare i progetti delle due organizzazioni promotrici:
–   Porta Aperta potrà affrontare il 2011 con maggiore serenità, poiché con la quantità di generi alimentari raccolti sarà possibile affrontare gli effetti della crisi economica che colpisce anche il nostro territorio e di cui non si vede la fine: attraverso la mensa per persone in difficoltà e la distribuzione di generi alimentari alle famiglie, sarà possibile garantire il diritto primario alla alimentazione e contribuire ad aiutare chi sta attraversando momenti veramente difficili;
–  Rock No War potrà arricchire il progetto a favore dell’Ospedale dedicato a Luisa Guidotti, missionaria laica modenese, in Zimbabwe ed in particolare sostenere le iniziative a favore della maternità, dando un aiuto concreto alle mamme che si recheranno presso la struttura sanitaria per dare alla luce i loro bambini.

“Una sola famiglia umana” era il titolo dato alla iniziativa che riprendeva il messaggio del Papa per la Giornata Mondiale delle migrazioni. Questa famiglia umana si è materializzata, anche se per un giorno, nella raccolta alimentare.