GIOVANI E VOLONTARIATO

I progetti nelle scuole promossi dalle associazioni di volontariato con il supporto del centro servizi per il Volontariato sono progetti sociali che partono dalla lettura e dall’analisi delle caratteristiche sociali di un determinato territorio o di uno specifico ambito di intervento, e giungono ad affrontare i principali bisogni individuati, coinvolgendo altri attori in una logica di rete.

I progetti nelle scuole primarie di 2° grado sul territorio modenese sono nati ormai 10 anni fa da un bisogno delle associazioni di volontariato di comunicare ed avvicinarsi al mondo dei giovani per promuovere, sensibilizzare e favorire una cultura della solidarietà tra le nuove generazioni. Oggi questi progetti sono diventati un punto di riferimento importante sia per il territorio che per le scuole e i volontari e sono presenti, oltre che a Modena, anche a Carpi, Sassuolo, Mirandola, Frignano e Vignola. Le scuole coinvolte, dai licei ai tecnici e professionali, in questa azione formativa, sono quasi la totalità degli istituti superiori presenti sul territorio; il progetto è entrato nel Piano dell’Offerta Formativa di quasi tutte le scuole coinvolte.
La metodologia di intervento prevista quando si incontra una classe è quella della pedagogia attiva in cui l’aula, disposta a cerchio, rompe lo schema della lezione frontale sperimentando il dialogo e il confronto aperto e paritetico. I volontari e gli studenti sono insieme e sullo stesso piano nell’esprimere le proprie emozioni e i propri pensieri. Dopo questo momento di dialogo informativo, orientativo e conoscitivo gli studenti possono scegliere di fare un’esperienza di stage della durata di 20 ore presso le associazioni/enti di volontariato coinvolte nel progetto per sperimentare sul campo la dimensione della solidarietà e della cittadinanza attiva.

I giovani a volte hanno potenzialità inespresse ed energie che non sempre vengono convogliate nel modo migliore, ma forse perché non vengono date loro molte occasioni per dimostrare la loro personalità al di là dell’etichetta di essere anche “adolescenti”. Le associazioni/enti di volontariato del territorio sono luoghi privilegiati dove sperimentare attività socialmente utili, e dove i giovani possono agire un modello alternativo a quello di essere considerati solo “adolescenti”. A supporto della metodologia standard sono state inserite diverse attività trasversali tese a rafforzare il messaggio di cultura della solidarietà e della cittadinanza attiva attraverso diverse proposte quali: la visita alla sede di un’associazione/ente per conoscerne da vicino la realtà operativa; l’organizzazione di eventi in cui gli studenti insieme ai volontari sono i protagonisti nella realizzazione e promozione delle iniziative; la pianificazione di incontri con testimoni d’eccezione per stimolare alcune riflessioni; la proposta di approfondimenti tematici specifici (intercultura, tratta e prostituzione, handicap, alcool, tossicodipendenza). Gli studenti che scelgono di fare volontariato sono in continuo aumento e l’impatto del loro impegno sugli utenti e sui volontari è stupefacente tanto da far sperare che stia nascendo una nuova generazione di giovani volontari che continuino a portare in giro una cultura della solidarietà e della cittadinanza attiva, contaminando anche altri giovani.

A differenza di qualche anno fa non sono solo le ragazze a chiedere di fare lo stage, ma anche i ragazzi. Grazie alla costanza nel proporre questi progetti alle scuole le associazioni/enti coinvolte hanno accresciuto notevolmente la loro capacità di dialogare con il mondo dei giovani e di porsi come modelli significativi. L’età dei volontari impegnati in questo progetto è molto eterogenea e va dalla ragazza di 19 anni appena uscita dalla scuola al pensionato di 70 anni ancora pronto a mettersi in gioco. I progetti nelle scuole così come il comunicare con i giovani in età adulta hanno bisogno di tempi lunghi perché possano vedersi dei frutti diventare maturi. Dopo 10 anni di impegno del volontariato nelle scuole i dati ci parlano di un mondo di giovani sempre più attenti alle tematiche sociali e sempre più motivati a fare esperienza di stage come occasione di crescita e di cambiamento.

Gli sforzi fatti fino ad oggi dai volontari, dai docenti, dagli operatori e dai tanti soggetti coinvolti in queste iniziative sono serviti a contaminare di solidarietà tante generazioni di studenti.
Da alcuni anni è in essere un protocollo di intesa con il Co.pr.e.sc. Coordinamento provinciale enti servizio civile, per garantire agli studenti di quarta e quinta una corretta informazione sul servizio civile volontario.

I progetti del CSV per gli studenti di scuola secondaria di 2° grado:
La finalità dei progetti è quella di promuovere la cultura della solidarietà e costruire canali di comunicazione efficaci tra scuola e volontariato.
Il percorso prevede uno o più incontri in classe, concordati con gli insegnanti, tra i rappresentanti del mondo del volontariato e i giovani, per sensibilizzare gli studenti sui temi della solidarietà e della cittadinanza attiva e per presentare le associazioni/enti aderenti al progetto.
La modalità seguita prevede un’attività di animazione, la testimonianza dei volontari e/o l’intervento di coetanei in progetti di peer education.
A seguito di questi incontri viene offerta la possibilità, agli studenti interessati, di fare un periodo di stage presso i centri operativi delle associazioni/enti con il supporto dei volontari/tutor.

In cosa consiste lo stage di volontariato: è un’esperienza di servizio svolta presso una associazione o un ente che si occupa di persone e/o animali in stato di bisogno.
È un momento di crescita che avviene attraverso l’incontro con l’altro e lo scambio con il diverso.

Come aderire allo stage di volontariato: occorre compilare il modulo di richiesta; nel caso in cui lo studente sia minorenne, occorre anche la firma di approvazione di uno dei due genitori.
Tale modulo va consegnato, entro la data prevista, alla coordinatrice del progetto o ad un insegnante di riferimento o inviato nel caso in cui la scheda venga scaricata dal sito.

Scarica il promemoria dello studente:

 Promemoria studente – Modena

 Promemoria studente – Carpi

 Promemoria studente – Sassuolo