Oltre 800 libri in dono per i bimbi del Policlinico

Posted on

Ottocentottantatre volte grazie alle persone che hanno regalato libri a favore della Biblioteca della Strega Teodora, da 19 anni l’isola dei libri del Policlinico di Modena, reparto di Pediatria e Oncologia pediatrica, curata dalle Biblioteche comunali modenesi con i volontari e le volontarie dell’associazione “Segnalibro”. 883 libri contenuti in 22 scatoloni, recapitati a Palazzo Santa

Un grazie, di cuore, ai volontari del Pedibus

Il progetto resta attivo a Piumazzo ma si ferma perla pausa invernale a Castelfranco Emilia capoluogo. 99 gli alunni e 25 gli accompagnatori volontari  Il progetto Piedibus, riservato agli alunni delle scuole primarie, che funziona come un autobus umano formato da una carovana di bambini passeggeri che vanno a scuola a piedi, in gruppo, va

Nuovi giochi inclusivi nel parco di Via Divisione Acqui

Posted on

L’area, accessibile da via Pergolesi, realizzata grazie all’associazione “Un respiro nel futuro”. Già disponibili le strutture, a settembre ultimi lavori e inaugurazione Un parco nel parco. Quello che sta nascendo nell’area verde Divisione Acqui a Modena, intende essere ancora più inclusivo, un luogo dove tutti i bambini possono giocare insieme, anche quelli con disabilità di

Maranello, inaugurato il parco inclusivo

Posted on

Sabato 2 giugno al Parco Due di Maranello è stata inaugurata la nuova area con arredi e giochi inclusivi. Il parco “inclusivo” è un intervento realizzato dall’amministrazione comunale in collaborazione con alcuni soggetti del territorio (associazioni e privati cittadini) per garantire a tutti – in questo caso ai bambini – la possibilità di vivere pienamente

Un piccolo gesto per donare serenità ai bambini del Policlinico di Modena

Raccolta fondi per garantire la visita settimanale di 2 clown-dottori nei reparti di Oncoematologia e Chirurgia Pediatrica Per un bambino in ospedale è difficile conservare serenità, fantasia e voglia di giocare. La clownterapia è un’attività professionale che integra le cure tradizionali, contribuendo a ricostruire, attraverso il sorriso, le difese del bambino di fronte al trauma