AVIS: nel 2017 oltre 530 nuovi volontari. Ma la sfida continua…

Posted on

Il 2017 è stato un anno di sostanziali conferme per quel che riguarda i dati della raccolta e il numero dei donatori nel territorio provinciale di Modena, con un forte incremento della raccolta di sangue intero a cui corrisponde però un calo delle aferesi. I risultati dell’esercizio sono stati illustrati nell’assemblea provinciale che ha riunito i delegati delle 50 sedi comunali sabato 14 aprile al Centro Polivalente Culturale di Marano sul Panaro.

I dati della raccolta 2017: 52.051 unità di sangue ed emocomponenti contro le 52.158 del 2016 (- 107 pari allo 0,21%). Le donazioni di sangue intero sono passate dalle 33.282 del 2016 alle 34.148 del 2017 (+ 866 pari al 2,6%), mentre calano le aferesi (plasma e piastrine), dalle 18.876 del 2016 alle 17.903 del 2017, con un – 973 pari al 5,15%.

Aumenta di 533 unità anche il numero di donatori: erano 29.570 nel 2016 e hanno raggiunto quota 30.123 nel 2017, dato più alto in regione. 2.974 i nuovi associati (9,8% del totale), con un’ uscita di 2.421 soci, pari all’ 8%. Il 62% dei donatori sono uomini contro un 38% di donne. Il 32% dei donatori rientra nella fascia d’età fra i 18 e i 35 anni.

Modena registra anche la più alta percentuale di donazioni in rapporto alla popolazione (7,40%), mentre rimane migliorabile il numero delle donazioni annuali per singolo donatore, in media 1,79.

Il presidente Cristiano Terenziani ha sottolineato il grande impegno di dirigenti e donatori grazie al quale è stata garantita la puntuale copertura delle necessità di sangue ed emocomponenti delle nostre strutture sanitarie ed è stato inoltre possibile mettere a disposizione del Centro Regionale Sangue 3.600 sacche eccedenti. Tutto ciò anche grazie ad un perfetto coordinamento con il Servizio Trasfusionale del Policlinico, col quale si continua ad agire in sinergia operativa e di intenti come “due facce della stessa medaglia”.

Con 50 sedi comunali l’ Avis Provinciale ha mantenuto il suo capillare radicamento territoriale che contribuisce a creare una comunità solidale in provincia e nei singoli comuni. Nel 2017 è stata anche siglata una convenzione con l’Avis Provinciale di Mantova per consentire ai donatori dei comuni vicini alla nostra provincia di recarsi a Carpi e Mirandola.

Importanti e fattive anche le collaborazioni consolidate con le istituzioni del territorio, dai sindaci dei Comuni, all’Azienda Policlinico (con la quale è stata firmata una importante convenzione), l’Azienda USL, l’Università, le Fondazioni bancarie, l’ Accademia Militare, le scuole, il mondo del volontariato. Il 2017 ha visto l’Avis provinciale particolarmente impegnata sul versante sportivo con l’importante accordo di collaborazione stipulato con la Federazione Pallavolo di Modena.

Gli obiettivi di raccolta che Modena dovrà raggiungere nel 2018 in base al Piano Sangue Regionale sono di circa 54.000 unità fra sangue, plasma e multicomponenti. “Un traguardo raggiungibile – dichiara il presidente provinciale – se sapremo motivare ed organizzare al meglio. Per questo punteremo nel 2018 sulla promozione del dono del plasma, sul rafforzamento della nostra presenza nelle scuole e nel mondo dello sport, e sulla formazione di volontari e personale per una gestione sempre più qualificata del donatore e della sua scelta fondamentale di offrire una parte di sé per la vita degli altri”