Cambio di presidente e del consiglio direttivo di un’associazione: gli adempimenti

Posted on

IL CAMBIO DI PRESIDENTE
In caso di cambio del presidente di un’associazione di volontariato o di promozione sociale occorre compilare e trasmettere entro 30 giorni dall’avvenuto cambio questo modello (AA5/6) all’Agenzia delle Entrate tramite consegna a mano o telematicamente tramite un intermediario abilitato.

Ecco i campi da compilare (in generale, le istruzioni per la compilazione di questo modello che si presta a diverse comunicazioni le trovate qui):
– in alto, prima del quadro A, mettere in apertura il codice fiscale dell’associazione
– quadro A relativamente alla variazione dati (il codice fiscale richiesto è quello dell’associazione e la data da indicare è quella in cui l’assemblea o il consiglio hanno deliberato il cambio)
– quadro B è da compilare con i dati dell’associazione; il numero della natura giuridica da indicare è solitamente il 12 (la natura giuridica non è sempre 12: se un’associazione di volontariato o di promozione sociale ha la personalità giuridica ha un altro codice: controllare sempre le istruzioni generali per la compilazione di questo modello che trovate qui); il codice attività invece lo trovate qui, le associazioni sono dal numero 90 in avanti
– quadro C (il codice carica da indicare è 1)
– allegati (verbale assemblea o consiglio)
– sottoscrizione (il codice fiscale richiesto è quello del nuovo presidente)
– quadro delega da compilare nel caso in cui non riesca ad andare il presidente: può presentarsi altra persona dell’associazione con copia della carta d’identità del presidente

Se l’associazione è iscritta al registro regionale l’avvenuto cambio del presidente deve essere inoltre comunicato entro 45 giorni tramite il portale Teseo alla Regione Emilia-Romagna. Mentre all’Agenzia delle Entrate interessa soltanto la comunicazione del cambio di presidente, alla Regione occorre comunicare, insieme al cambio del presidente, anche l’eventuale cambio del consiglio direttivo.

E’ inoltre buona norma comunicare il cambio di presidente anche al Comune di residenza dell’associazione (in questo caso è consigliata la raccomandata a/r al Comune) e, in generale, a tutti i soggetti con cui l’associazione si rapporta (banche, Csv ecc.).

Per gli enti iscritti all’elenco permanente del 5 per mille è necessario presentare una nuova dichiarazione sostitutiva nel caso in cui il rappresentante legale sia variato rispetto a quello che aveva firmato la dichiarazione sostitutiva precedentemente inviata.

IL CAMBIO DEL CONSIGLIO DIRETTIVO
In caso di variazione dei componenti del consiglio direttivo di un’associazione di volontariato o di promozione sociale occorre comunicare i nuovi componenti (il cui numero varia a seconda di quanto stabilito dallo statuto di ogni singola associazione) alla Regione Emilia-Romagna tramite il portale Teseo se l’associazione è iscritta al registro, inserendo i dati dei nuovi componenti, eliminando quelli precedenti non più in carica, e allegando la scansione della documentazione richiesta (verbale di nomina).

Buona norma è anche comunicare la variazione dei componenti del consiglio direttivo al comune in cui l’associazione ha la sede legale tramite raccomandata a/r.

Per le associazioni di volontariato e per le associazioni di promozione sociale non iscritte al registro regionale il cambio del direttivo e del presidente comporta anche la compilazione del modello Eas entro il 31/3 dell’anno successivo al cambio (se ad es. il presidente cambia nel 2018, occorre compilare il modello Eas entro il 31/3/2019), da consegnare a mano o tramite intermediario abilitato all’Agenzia delle Entrate.