Grazie al volontariato ho capito cosa volevo fare da grande

All’Avis di Finale Emilia il volontariato è giovane! Ce lo racconta Giulio Borgonovi

Giulio ha 29 anni e quando era in terza superiore al Galilei di Mirandola, per portarsi a casa un credito formativo per gli studi, ha scelto di fare volontariato all’Avis e da allora non ha più smesso.

di Laura Solieri 

“Ho iniziato a fare volontariato attratto dalla possibilità di acquisire un credito formativo, poi mi sono reso conto in fretta della ricchezza di un’esperienza del genere, che oggi posso dire essere stata determinante per il mio percorso di vita: grazie ad essa, infatti, ho scoperto la mia vera vocazione e sto per laurearmi in Infermieristica”.

Giulio partecipa al progetto Giovani all’Arrembaggio del Centro Servizi Volontariato, tramite il quale entra nelle scuole superiori di Finale Emilia, dove abita, per incontrare gli studenti e illustrare loro la stessa possibilità che ebbe lui, alla loro età: aderire al progetto, per acquisire crediti formativi e conoscere da vicino, attraverso un’esperienza di stage, il volontariato locale. “Grazie al percorso del Csv sono riuscito a portare all’Avis di Finale un sacco di giovani: ora, siamo un bel gruppetto di una quindicina di ragazzi.

Ricordo che per donare il sangue occorre essere maggiorenni, ma sono tante le attività che ragazzi ancora minorenni possono svolgere da noi: in sala ristoro, in segreteria, abbiamo anche un piccolo giardino da curare.

Poi ci sono tutte le feste promozionali di piazza, in cui incontriamo la cittadinanza e facciamo conoscere l’Avis alle persone. Francesco Fioratti, Arianna Castellazzi e Benedetta Neri sono tre giovani veramente in gamba, che hanno iniziato a fare volontariato da noi grazie al percorso del Csv e sono rimasti; organizzano feste in piazza e si danno da fare, sono una risorsa incredibile.

Il volontariato è un’esperienza, una scelta che fa bene a chi la intraprende e agli altri – conclude Giulio – Qui in Avis ho amicizie forti come quella con Cinzia Benatti e Alessandra Malagoli, ho la possibilità di incontrare le nuove generazioni attraverso percorsi non solo nelle superiori ma anche con le scuole elementari e medie, faccio parte del consiglio provinciale, ho sviluppato competenze per me fondamentali anche sul lavoro, e non mi stancherò mai di dire che fare volontariato, come è successo a me, può cambiarti davvero la vita, in meglio”.